Il senso di RETE LIBERALE

La nostra idea di economia non è una ricetta, una teoria,ma un complesso schema. È un insieme di semplici considerazioni, basate sul buon senso e sull'esperienza di tutti i giorni. Usa di quel che è tuo. Non spendere i soldi del tuo vicino. Chiedi prima di prendere e prendi solo con il consenso del proprietario. Ad un'onesta giornata di lavoro deve corrispondere la paga pattuita tra le parti. Non danneggiare nessuno. Nei giorni degli sciamani economici che vagheggiano di moneta infinita, di eldorado di carta e eden in cui tutti i frutti sono gratis , noi ricordiamo che nulla è gratis. Qualcuno ha lavorato perché quei "diritti", o ancor meglio, quei "beni pubblici", come l'acqua, raggiungessero noi. E quel qualcuno si aspetta che qualcuno lo paghi. Se lo aspetta il pediatra dei nostri figli, il loro insegnante, la badante che accudisce il nostro padre malato. È un diritto di chi gestisce le nostre strade, sia quelle fisiche che quelle telematiche. Ed in ultima analisi va pagato anche chi ci ha anticipato i soldi, perché ha rischiato di non rivederli. Un rischio, in questo paese, mai troppo teorico. Chi paga? La risposta di tutti gli arruffapopoli è "gli altri". I ricchi, gli speculatori, i finanzieri internazionali. In barba al fatto che il pediatra, l'insegnante, la strada e la connessione internet l'abbiamo usata noi e non loro. La nostra risposta è che la misura della libertà di ciascuno è la propria responsabilità. Non esistono pasti gratis e le cene non si possono mettere in conto al vicino solo perché è più ricco di noi. Chi paga quindi? Gli uomini e le donne liberi che devono sapere che tutto non si può avere, che devono fare scelte, che devono stare attenti a cosa consumano. Che devono, in definitiva, essere liberi. La nostra dottrina economica si basa su questo: essere liberi di scegliere chi sia il dottore che ci visita, il maestro che educa i nostri figli e la strada da scegliere; liberi dallo stato, che di questo non si deve occupare; liberi di contrattare il prezzo che meglio copre le nostre esigenze; liberi dal pizzo e dalle estorsioni; liberi di pagare solo il nostro conto e non quello del vicino di casa; liberi di donare ogni qualvolta lo vogliamo, ma senza essere mai costretti a farlo. È semplice, davvero. La nostra idea economica si chiama LIBERTÀ. "Chi vuol muovere il mondo, prima muova se stesso." (Socrate)