•  

LA COLLINA DI BOLOGNA

  26 febbraio 2021       Vincenzo Donati       www.reteliberale.it


A cura di Vincenzo Donati / Idee per Bologna - La collina di Bologna

La collina di Bologna è un parco naturale per tutta la città dove si possono coniugare, ambiente, qualità della vita, salute, socialità ed economia.

Va però valorizzata, rendendola pienamente fruibile alle persone e a quelle attività agricole, economiche e sociali compatibili con questa importante sua vocazione, altrimenti rischia l’abbandono e il degrado.

La collina di Bologna può/deve diventare un vero e proprio Parco fruibile per tutta la città, un grande parco-campagna naturalistico per il recupero della produzione agricola e forestale, per la difesa idrogeologica, con itinerari per la cultura, lo sport e lo svago e con i relativi servizi.

Vanno riscoperti e valorizzati antichi e nuovi itinerari escursionistici che partendo dalla città afferiscono alla collina, lungo il rio Ravone e il rio Meloncello, attraverso Villa Spada (in alternativa alla salita da via Casaglia) e sotto all’ex funivia (in alternativa alla salita del portico di San Luca).

Percorsi che collegati fra loro possono devono costituire una ricca rete di percorsi diversi, per lunghezza, difficoltà e interesse paesaggistico-naturistico, storico-religioso e geomorfologico.

Parco collinare infine impreziosito dalla realizzazione del 3° grande parco cittadino, dopo i Giardini Margherita (realizzato alla fine dell’ottocento in occasione dell’Expo a Bologna) e i Prati di Caprara (richiesti da tempo dalla città) il Parco di San Luca, con la riattivazione della funivia, un grande parco paesaggistico/religioso e di svago, che dalle pendici della collina arriva in cima al colle della Guardia.

Si darà così finalmente attuazione al Piano collinare del Comune di Bologna del 1982, da allora disatteso.

Piano che necessita solo di essere aggiornato ed attuato e che porterebbe tantissimi vantaggi per la città con molti nuovi posti di lavoro di qualità (attività agricola, sportiva, ma anche di svago, di ristorazione, di aggregazione), oltre a risultare relativamente poco costoso, di facile e graduale realizzazione e con un rapporto costi benefici molto positivo.

V D Rete Liberale-Bologna 



NEWSLETTER