•  

Le cose al posto giusto

  11 marzo 2020       Sergio De Prisco       RL


di Sergio De Prisco - UN' EPIDEMIA , come una guerra o qualsiasi altra fedele compagna della storia umana, fa emergere il meglio e il peggio delle persone, ma riporta velocemente le cose alle loro giuste dimensioni.

Dopo decenni di anestesia del pensiero, ne è l'unico effetto positivo.

Per millenni, la prossimità con la morte ha indotto gli umani a non porre la vita al primo posto ma, oggi, la risposta alla domanda di quale sia il bene supremo è scontata per quasi tutti e non è apprezzabile.
Se fosse la vita, rinnegheremmo i martiri e gli eroi ai quali intitoliamo le strade.

Chi sfida la morte con il suo impegno e abnegazione proclama che la dignità della vita vale più della vita.

Questa testimonianza non va confusa con la canina sottomissione agli ordini, che viene, invece, dal mettere la propria vita e sicurezza al di sopra di tutto.


NEWSLETTER