•  

Enti inutili: ora o mai più!

  10 marzo 2020       Nicoletta Di Giovanni       www.reteliberale.it


Si chiedono misure economiche urgenti pari a 30 mld per fronteggiare la grave crisi italiana? TAGLIARE GLI ENTI INUTILI, SUBITO! Solo per cominciare e senza discussioni.
Qual è il primo tra i più recenti, inutili e dannosi da eliminare? È L'UNAR, secondo Rete Liberale, per ripartire dalla base, dalla ScuolaLibera. Liberata dall'UNAR.
Gli enti i utili, appunto, sono la più grande fonte di spreco e potrebbero essere un importante serbatoio di risorse da impiegare in questa grave situazione.
Non si sa esattamente quanti siano ( forse 500), ma possono costare fino 12/13 mld l'anno. Quello che si sa è che periodicamente finiscono nell'agenda dei governi e puntualmente ne escono, sempre illesi. Un fitto bosco fatto di sigle, sedi fantasma con finalità improbabili, in cui è difficile muoversi: già, perché il problema numero uno è che anche quando si arrivasse ad abolirne qualcuno, spesso il provvedimento si perde in una lunga sequenza di ricorsi e contro-ricorsi di fronte alla giustizia amministrativa. Si va dall'Unione italiana Tiro a Segno fino al Centro piemontese di studi africani, passando all'Istituto di sviluppo ippico per la Sicilia e a quello per la conservazione della gondola e la tutela del gondoliere a Venezia.
Emblematico anche il caso dell'Unione nazionale del 1947 per la lotta analfabetismo.
Si potrebbe tagliare per un risparmio che vale più di un terzo dell’attuale manovra economica. Quanto basta per abolire le tante microtasse contenute nella legge di bilancio e dare una forte accelerazione alle imprese, oggi in ginocchio davanti ad una grave epidemia. A dire la verità, molti di questi vituperati istituti sono in liquidazione cioè a dire alle calende greche! Infatti, nel 1956 per velocizzare il tutto era stato creato l’ IGED - Ispettorato generale per la liquidazione degli enti disciolti- che con i suoi 14 uffici, 14 dirigenti e un centinaio di funzionari costava circa 50 milioni di euro l’ anno. Peccato che dal 2002 l’ IGED sia impegnato nella liquidazione di se stesso e gli enti che doveva abolire sono ancora quasi tutti attivi.
Attendiamo ancora il Cnel e con questo abbiamo detto tutto.
SIAMO AL REDDE RATIONEM da covid-19, nell' "ora più buia". Ora o mai più!


NEWSLETTER