•  

Immigrazione: Salvini è più unico che raro!

  25 agosto 2018       Vito Massimano       RL


di Vito Massimano - Premetto che non sono un tifoso di questo governo ma nemmeno un detrattore di Salvini ( con i cinquestelle, invece, la distanza è massima). In questi giorni circolano tabelle con numeri a capocchia che vorrebbero dimostrare quanto il fenomeno migratorio in Italia sia marginale rispetto alle altre nazioni del continente. Indipendentemente dal merito delle cifre sul quale avrei molto da dire - ci aveva provato già Saviano a fare una simile "supercazzola" venendo sbugiardato in un nanosecondo- ciò che certa parte politica non ha capito è riassumibile in due punti:
- gli italiani sono nauseati dall’ ipocrisia europea .
Quelle euroburocrazie ipocrite, che ci trattano come il loro campo profughi e come un bancomat, vengono mal digerite da ormai troppo tempo. Ecco perché gli italiani vanno dietro all’ unico politico che si contrappone a una simile ingiustizia. Riuscirà a cavare un ragno dal buco? Forse no. Non si illudano però coloro che sperano nel fallimento di Salvini perché la cosa è irrilevante agli occhi dell’elettorato che vedrà comunque Salvini come colui che si è opposto allo strapotere nord europeo e gli altri come dei pecoroni invigliacchiti filo Merkel, paladini dello ius soli e delle menate boldriniane. E premieranno il leghista indipendentemente dai risultati.
A prescindere dallo "zerovirgola", dalle tabelline taroccate e dal numero di migranti per abitante (ricostruzione sulla quale non voglio appositamente soffermarmi ma sulla quale avrei molto da dire) è la percezione di disagio che opprime la gente . Non è che alla gente mostri la tabellina e l’hai convinta. Quelli poi - soprattutto nelle periferie- dopo aver visto la tabellina escono per strada, trovano il suk (provate a fare un giro nelle periferie e ve ne accorgerete) e si incazzano. Anche se certa stampa cerca di edulcorare, gli italiani poi leggono certe notizie e si incazzano per la seconda volta.
Tifare per il fallimento di Salvini - oltre che anti italiano- è inutile ed equivale a dire: io al governo ho fatto schifo e adesso vi dimostro che dopo di me c’è il diluvio. Non funziona così. Ve ne accorgerete presto. V.M.


NEWSLETTER