•  

Com'è umano lei!

  5 luglio 2018       Nicoletta Di Giovanni       ReteLiberale


di n.digiovanni@reteliberale.it
Questo direi a Don Ciotti e, azzardando non poco, a nome dei tanti amici di Rete Liberale che non ci stanno a farsi dare dei disumani sol perché pensano differente; che non riescono a capacitarsi di come un’ immigrazione scriteriata, reale e paradossale insieme, impietosa e drammatica, per la serie “la realtà supera la fantasia”, non venga considerata, negando le evidenze dei fatti. Magari differendo nelle belle soluzioni. Ed ecco che la "carrambata" estiva che si appella ai buoni, ai giusti, agli equo e solidali, esclude la Scuola.
La scuola Unica, monopolio di stato, si libera di LIBERA e company perché in estate è chiusa! Va a finire che è l’unica fortuna della Scuola - così strutturata- con buona pace della sociologa/filosofa, Chiara Saraceno, che la vorrebbe aperta, ignorando di fare una scortesia alla libertà di opinione. Ormai tanti studenti, famiglie ed insegnanti si liberano dall’ asfissiante Politically Correct , solo quando sulla Scuola cala il sipario per le meritate vacanze , visto che tutto l’anno c'è un gran da fare con le varie associazioni che di civico hanno la partigianeria e di politico una forte intossicazione ideologica. Infatti, ieri l’altro i colori dell’imposizione di civiltà erano dell’arcobaleno, oggi di un bel punto di rosso per fermare l’emorragia di umanità, dicono i presidenti in coro di Libera, Gruppo Abel, Arci, Anpi e molti altri dello stessa tonalità.
Infatti, per partecipare al coretto civico, basterà indossare una t- shirt rossa il sette di luglio. Tutti gli indignati in red per gli ultimi cento morti al largo della Libia, dovrebbero essere coerenti ed indignarsi tante volte di più per i 653 morti dall’ inizio del 2018 nel Mediterraneo centrale (dati OIM) con i porti aperti alle ONG.
Questi i fatti e i numeri: metà degli sbarchi quest'anno rispetto a 2017, meno della metà dei morti! Insomma, la chiusura dei porti, semmai, contribuirà alla diminuzione delle partenze e dei morti in mare. Se poi si vuole continuare a far sbarcare varia umanità allo sbaraglio, quando nell'arco di pochi anni la popolazione africana raddoppierà o triplicherà, secondo tutti gli scenari, si faccia pure.
Lo si faccia a spese di chi è convinto che continuando in questa maniera sia possibile tenere in piedi il già carrozzone-Italia.
Chi pensa differente sulla gestione dell’immigrazione è disumano? Chi è contrario allo Ius soli è un insegnante incivile, come ci spiegò il portavoce Unicef Italia? Chi ritiene che la Sharia non debba trovare cittadinanza sotto nessuna forma, è un vizioso delle libertà?
Eppure altre domande si dovrebbero imporre secondo i fatti, soprattutto a scuola: Il Dossier Statistico Immigrazione 2017, elaborato dal centro studi e ricerche Idos e Confronti, registra come oggi gli emigrati italiani siano tanti quanti erano nell’ immediato dopoguerra, oltre 250.000 l'anno. Qualche domanda di buon senso: perché se ne vanno dal paese che tutti gli africani vogliono raggiungere? Perché i migranti dal Marocco non vanno in Spagna (per mare 14 Km) , ma vengono in Italia passando dalla Libia (per mare 452 Km) ?
CHE FORTUNA! Il 7 luglio la Scuola Unica sarà chiusa - @ScuolaLibera sempre aperta - altrimenti molti studenti avrebbero dovuto seguire il "consiglio" di indossare la maglietta rossa, simbolo del pensiero Unico; come pure ossequiare Legambiente, la bandiera multicolor, Green Peace, la Differenziata, il cibo Bio, i Chilometri zero, il Calesse e la Bici, le Foto trendy "meticciate", le Pecorelle per tagliaerbe e l’immancabile Arci qualcosa. In questo panorama fa il suo mestiere anche la Caritas, ci mancherebbe! Anzi, si trova spesso in sintonia con l’Arci qualcosa! Meno male che per i "cattosemplici" c'è un saggio bellissimo, ce lo ricorda un nostro attento amico (P.P.P) via social, che accorre per offrirci molta serenità: la "Lettera al Duca di Norfolk" del beato cardinale Henry Newman. Su come un cristiano debba e possa avanzare critiche anche al Papa. Del resto, persino De Gasperi fece lo stesso di fronte alle pressioni di Pio XII.
insomma, dal color arcobaleno al rosso, direttamente!
Concludo con un velo di ottimismo, sperando in una Scuola Libera e aperta tutto l’anno, scolastico o solare, che sia una libera scelta delle famiglie. Per dire NO, con lo strumento del Buono Scuola, in mano direttamente alle famiglie, al pacchetto socialista advanced e senza dover passare per la mediazione degli organi collegiali, che, non si sa il perché, di massima si esprimono all’ unanimità in barba alla statistica.
ps La Scuola è chiusa, ma non gli Esami. Vedremo.


NEWSLETTER